X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

FISCO

IVA all’importazione detraibile nel consignment stock anche post Brexit

Non osta al recupero dell’imposta che l’importatore non sia proprietario dei beni

/ Simonetta LA GRUTTA

Martedì, 27 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 509 di ieri, 26 luglio 2021, conferma l’esistenza – in re ipsa – nel contratto di consignment stock del “nesso diretto e immediato” che garantisce al (futuro) cessionario italiano l’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA assolta in dogana all’atto dell’importazione di beni che questi riceve dal fornitore extra-Ue.

È confermato dunque l’orientamento precedentemente espresso dalla stessa Agenzia con la risoluzione n. 346 del 5 agosto 2008, post Brexit applicabile agli accordi in parola stipulati da acquirenti nazionali con operatori economici stabiliti nel Regno Unito.

Il trattamento IVA di tali contratti, infatti, dal 1° gennaio 2021 non è più disciplinato dalle disposizioni unionali armonizzate, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU