X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regime degli impatriati anche per il lavoro «in continuità»

Da agevolare anche i rientri ai quali fa seguito il mantenimento del rapporto con la stessa impresa

/ Michele TARDINI

Lunedì, 2 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una delle modifiche introdotte dal DL 34/2019 al regime dei lavoratori impatriati (art. 16, comma 1 del DLgs. 147/2015) è stata quella di prevedere la possibilità di usufruire del beneficio in questione anche per i lavoratori che “vengono a svolgere in Italia attività di lavoro alle dipendenze di un datore di lavoro con sede all’estero, o i cui committenti (in caso di lavoro autonomo o di impresa) siano stranieri (non residenti)” (così la circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 33/2020).
La previgente versione della norma in questione, infatti, richiedeva, tra le altre condizioni, che l’impatriato svolgesse l’attività lavorativa “presso un’impresa residente nel territorio dello Stato in forza di un rapporto di lavoro instaurato con questa o con

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU