X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Incerta la nozione di ricavi lordi «realizzati» per le soglie di fallibilità

Da verificare anche l’ambito di applicazione soggettivo della nuova composizione negoziata della crisi per le imprese «sotto soglia»

/ Marco PEZZETTA

Venerdì, 27 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con la decisione n. 23484 depositata ieri, è ritornata sul tema della verifica delle soglie di fallibilità, che appare particolarmente attuale a diversi fini, come l’individuazione dei soggetti che possono accedere agli strumenti di cui alla L. 3/2012 in materia di sovraindebitamento e di coloro che – per accennare a una delle più significative novità introdotte in materia di crisi di impresa – potranno fruire, a far data dal 15 novembre 2021, della composizione negoziata secondo le particolari disposizioni di cui all’art. 17 del DL 24 agosto 2021 n. 118.

La sentenza n. 23484/2021 si occupa, appunto, della nozione di “ricavi lordi realizzati”, rilevante (inter alia) ai fini della verifica della soglia di fallibilità ex art. 1 comma 2 lett. b) del RD 267/42. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU