X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Dichiarazione fraudolenta anche per il padre che registra le fatture poi usate dal figlio

La partecipazione al meccanismo fraudolento fa valere la fattispecie penale tributaria per entrambi

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 30 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Concorre nel reato di dichiarazione fraudolenta di cui all’art. 2 del DLgs. 74/2000 l’ex amministratore della società che, dopo avere registrato nella contabilità sociale una serie di fatture false, fa in modo che la società si sciolga e che nomini come liquidatore il proprio figlio che, avvalendosi di tale documentazione, presenta la dichiarazione penalmente rilevante.
A stabilirlo è stata la Cassazione, nella sentenza n. 32237/2021.

Le motivazioni della sentenza partono dall’analisi della fattispecie di cui all’art. 2 del DLgs. 74/2000 – che punisce chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o l’IVA, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indichi in una delle dichiarazioni relative a dette imposte elementi passivi fittizi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU