X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ancora dubbi sulla qualificazione di società di partecipazione

Per definire la natura industriale o meno della holding andrebbero considerati gli elementi «connessi» alle partecipazioni

/ Michele TARDINI

Mercoledì, 22 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la circolare n. 28 di ieri, Assonime torna ad esprimersi (dopo la circ. n. 16/2019) sulla nozione di intermediari finanziari e società di partecipazione ex art. 162-bis del TUIR, alla luce dei documenti di prassi emanati negli ultimi due anni, che non sembrano aver risolto tutte le questioni sull’argomento.

Infatti, nel ricordare, ad esempio, la posizione assunta nella propria circ. n. 16/2019 (poi confermata nella risposta n. 40/2021) in merito al peso e alla natura delle partecipazioni nell’ambito del (doppio) test di prevalenza, di cui, quello sulla natura (finanziaria o meno) delle partecipazioni, “relativo” (ad esempio, se una società detiene un’ammontare di partecipazioni “industriali/commerciali” pari al 26% del totale dell’attivo e

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU