X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

La bancarotta da operazioni dolose e quella da reato societario convivono

/ REDAZIONE

Sabato, 23 ottobre 2021

x
STAMPA

La Cassazione, nella sentenza n. 37885/2021, ha stabilito che, nell’ipotesi di contestazione di causazione del fallimento per operazioni dolose (consistite nell’annotazione di fatture attive per operazioni inesistenti, così da simulare un volume d’affari positivo e occultare il patrimonio negativo) e di causazione del fallimento attraverso false comunicazioni sociali nei bilanci, ex art. 223 comma 2 nn. 1 e 2 del RD 267/42, non viene in rilievo la fattispecie di reato complesso.

È vero, infatti, che il reato di bancarotta da reato societario è reato complesso, ma solo perché elemento costitutivo dello stesso è il reato di false comunicazioni sociali, non certo quello di causazione del fallimento per effetto di operazioni dolose.
Inoltre, deve escludersi l’identità del fatto oggetto delle due imputazioni; identità che ricorre quando vi sia corrispondenza storico-naturalistica nella configurazione del reato, considerato in tutti i suoi elementi costitutivi e con riguardo alle circostanze di tempo, di luogo e di persona. Nella specie, invece, le annotazioni di cui al primo reato e le false comunicazioni sociali di cui al secondo (le une non necessariamente implicate dalle altre) rappresentano l’elemento di differenziazione tra i due reati.

Inoltre, tra le norme incriminatrici in questione non sussiste un rapporto di specialità, in quanto “norma speciale” è quella che contiene tutti gli elementi costitutivi della norma generale e che presenta uno o più requisiti propri e caratteristici, che hanno appunto funzione specializzante, sicché l’ipotesi di cui alla norma speciale, qualora la stessa mancasse, ricadrebbe nell’ambito operativo della norma generale.

TORNA SU