ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La dichiarazione integrativa permette di rivedere la destinazione del credito IVA

La prassi amministrativa riconosce questa facoltà non prevista normativamente

/ Mirco GAZZERA e Simonetta LA GRUTTA

Lunedì, 23 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Lo scorso 2 maggio è scaduto il termine per presentare la dichiarazione IVA relativa al periodo d’imposta 2021. Resta possibile trasmettere un’integrativa non solo per correggere errori od omissioni, ma anche per modificare la scelta espressa in merito alla destinazione dell’eventuale credito maturato. Questa fattispecie rientra fra quelle esaminate nello Speciale di Eutekne.info sulla dichiarazione IVA integrativa (II edizione).

Il soggetto passivo che ha maturato un credito IVA deve indicare, nel quadro VX della dichiarazione annuale, la modalità con la quale intende impiegarlo. Oltre al riporto nel periodo d’imposta successivo, il credito può essere utilizzato in compensazione nel modello F24, oppure, chiesto a rimborso se sussiste una delle fattispecie previste dagli

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU