Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Esonero dall’obbligo di reperibilità condizionato

/ Elisa TOMBARI

Sabato, 25 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

In virtù della tutela costituzionale della salute (art. 32 Cost.), l’interesse per la salvaguardia della salute del lavoratore fa parte del sinallagma contrattuale. La malattia non professionale del lavoratore, infatti, costituisce un’ipotesi di temporanea impossibilità sopravvenuta della prestazione lavorativa, che non comporta la risoluzione del contratto di lavoro, ma solo una sospensione dell’obbligo di prestare lavoro (art. 2110 c.c.); in altre parole, il rischio della malattia viene traslato sul datore di lavoro, che resta obbligato a non recedere dal rapporto e a corrispondere la retribuzione.

Il lavoratore dipendente, dal canto suo, è tenuto ad alcuni adempimenti, regolati dalla legge e dalla contrattazione collettiva. In particolare, oltre a fornire nei termini e con ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU