Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Trasferite nella competenza dell’INPS le causali contributo riferite all’INPGI

/ REDAZIONE

Venerdì, 1 luglio 2022

x
STAMPA

Con la ris. n. 33 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha adattato le causali contributo al trasferimento della funzione previdenziale svolta dall’Istituto di previdenza dei giornalisti (INPGI) all’INPS.

L’art. 1 commi 103 e ss. della L. 234/2021 ha infatti disposto che dal 1° luglio 2022 la funzione previdenziale svolta dall’INPGI, in regime sostitutivo delle corrispondenti forme di previdenza obbligatoria, sia trasferita, limitatamente alla gestione sostitutiva, all’INPS, che succede nei relativi rapporti attivi e passivi.
Per garantire continuità gestionale e amministrativa alle funzioni attualmente esercitate dall’INPGI, e nelle more della compiuta integrazione con INPS, i suddetti istituti hanno chiesto che, a decorrere da oggi, le causali contributo relative alle funzioni oggetto di trasferimento, ora riferite all’INPGI, vengano in parte trasferite nella competenza dell’INPS e in parte soppresse in quanto non più utilizzate dall’INPS.

La ris. n. 33/2022 dispone quindi il trasferimento nella competenza dell’INPS di una serie di causali contributo, per le quali restano fermi i formalismi e le istruzioni per la compilazione fornite dalle rispettive risoluzioni con cui sono state istituite, e la soppressione delle causali RL29, RC21 e CRL1.

TORNA SU