ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

La farina di grillo potrebbe sostituire alcuni alimenti di origine animale

Attualmente, però, il consumo nel nostro Paese è limitato: si tratta di un prodotto di nicchia che, oltretutto, costa molto

/ FONDAZIONE UMBERTO VERONESI

Venerdì, 10 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Che le popolazioni asiatiche mangino cavallette, coleotteri e formiche non ci stupisce più, ma siamo pronti ad accogliere anche in Italia prodotti a base di insetti, come la farina di grilli? Potrebbe accadere sempre più spesso di vedere alimenti di questo genere tra gli scaffali dei nostri supermercati, visto il recente via libera da parte dell’Unione europea ai prodotti che contengono non solo farina di grillo (Acheta domesticus), ma anche le larve del verme della farina minore (Alphitobius diaperinus), vendute surgelate, in pasta o essiccate.

La ricerca di nuove fonti alimentari è importante per diversi motivi, tra cui la crescita della popolazione che prevede di raggiungere circa 10 miliardi di persone entro il 2050 e la necessità conseguente di andare incontro alla sostenibilità ambientale. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU