ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Compenso dell’amministratore professionista con dubbi sulla qualificazione

/ Alessandro COTTO e Carlotta SGATTONI

Giovedì, 21 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

In merito alla qualificazione reddituale dei compensi corrisposti a professionisti per l’attività di amministratori di società (cfr. art. 50 comma 1 lett. c-bis) del TUIR), alcune pronunce dalla giurisprudenza di merito sembrano mettere in discussione la tradizionale posizione dell’Agenzia delle Entrate secondo la quale, ove sia ravvisabile una connessione oggettiva tra l’attività professionale e quella della società amministrata, il compenso dell’amministratore concorre a formare il reddito di lavoro autonomo.

A tal riguardo si ricorda che l’Agenzia delle Entrate, con la circ. 12 dicembre 2001 n. 105, ha affermato che, al fine di qualificare correttamente il compenso percepito dall’amministratore, occorre verificare se per lo svolgimento dell’incarico ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU