X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Possibili gli aumenti di tributi locali e addizionali

Dal 2019 non è previsto il c.d. «blocco degli aumenti»: secondo l’agenzia di rating Moody’s ciò potrebbe portare a due miliardi di entrate in più

/ Arianna ZENI

Venerdì, 11 gennaio 2019

Nella legge di bilancio 2019 (L. n. 145/2018) non è prevista l’estensione della disposizione contenuta nell’art. 1 comma 26 della L. 28 dicembre 2015 n. 208 (legge di stabilità 2016) che prevede che “al fine di contenere il livello complessivo della pressione tributaria, in coerenza con gli equilibri generali di finanza pubblica, per gli anni 2016, 2017 e 2018 è sospesa l’efficacia delle leggi regionali e delle deliberazioni degli enti locali nella parte in cui prevedono aumenti dei tributi e delle addizionali attribuiti alle regioni e agli enti locali con legge dello Stato rispetto ai livelli di aliquote o tariffe applicabili per l’anno 2015”.

Di conseguenza, mentre per gli anni dal 2016 al 2018 era sospesa l’efficacia delle leggi regionali e delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU