X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Impresa

Risarcimento al socio se la sas subisce un danno da fatto illecito

Il socio accomandante può agire direttamente verso il terzo che abbia provocato lo scioglimento della società

/ Edoardo MORINO

Lunedì, 14 gennaio 2019

Nel caso in cui un soggetto terzo abbia commesso nei confronti di una società di persone un illecito, e tale illecito abbia determinato lo scioglimento della società per impossibilità di proseguire l’attività sociale, il socio può far valere in via autonoma e diretta, nei confronti del terzo danneggiante, la propria pretesa al risarcimento del danno subito a causa della totale perdita della sua quota parte di utili ritratti dalla società.

In una simile ipotesi, il danno subito dal socio consiste, con riferimento agli utili futuri, nella perdita dell’occasione, apprezzabile, seria e consistente, di conseguirli.
Nel sancire i principi di diritto appena riportati, la Cassazione, nella sentenza n. 29829/2018, ha riconosciuto come legittima la richiesta di risarcimento avanzata dal socio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU