X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Registro proporzionale e ipocatastali fisse per la fusione tra due enti non commerciali

/ REDAZIONE

Sabato, 12 gennaio 2019

L’atto di fusione tra due enti non commerciali va assoggettato all’imposta di registro nella misura proporzionale del 3% e alle ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro. Per determinare la base imponibile dell’imposta di registro, se tra i beni dell’incorporata ci sono immobili, si deve far riferimento al loro valore venale in comune commercio, in applicazione di quanto previsto dall’art. 51, comma 2 del TUR.
L’Agenzia delle Entrate ha fornito questi chiarimenti con la ris. n. 2/2019, in risposta al quesito di un notaio rogante dell’atto di fusione per incorporazione tra due fondazioni bancarie che si qualificano come enti non commerciali.

L’Amministrazione finanziaria ricorda che i passaggi di beni a seguito di atti di fusione o di trasformazione di società e di analoghe operazioni poste in essere da altri enti non sono soggetti a IVA, ex art. 2, comma 3, lett. f) del DPR 633/72 e quindi, in applicazione del principio di alternatività IVA-registro, i relativi atti scontano il registro proporzionale del 3% quando la fusione avviene tra enti non commerciali e il registro in misura fissa se la fusione è posta in essere tra società o enti “aventi per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale o agricola”.

Sulla determinazione della base imponibile, l’Agenzia ritiene poi che si debba considerare il valore – determinato alla data di efficacia giuridica della fusione – di beni e diritti, compresi i beni immobili, assunti al netto delle passività, iscritti nel patrimonio della sola fondazione incorporata. A norma dell’art. 2504-bis c.c., infatti, nella fusione per incorporazione l’ente incorporante assume i diritti e gli obblighi facenti capo all’ente incorporato alla data di efficacia reale della fusione. Da qui il riferimento al valore venale in comune commercio se tra i beni dell’incorporata ci sono immobili.

Riguardo alle ipocatastali, infine, sono applicabili, in via analogica, l’art. 4 della Tariffa allegata e l’art. 10, comma 2 del DLgs. 347/90, in base a cui sono soggetti a imposta nella misura fissa di 200 euro “gli atti di fusione o di scissione di società di qualunque tipo”.

TORNA SU