X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 24 aprile 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’invalidazione dei certificati di origine giustifica l’accertamento doganale

Secondo la Suprema Corte è superflua l’indicazione delle ragioni che hanno condotto all’invalidazione

/ Lorenzo UGOLINI

Martedì, 12 febbraio 2019

L’annullamento, da parte delle autorità doganali estere, di certificati di origine inesatti o falsificati è sufficiente a giustificare il recupero di dazi preferenziali non versati, indipendentemente dai motivi della loro invalidazione.
Tale principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione con la sentenza 25 gennaio 2019 n. 2148, che si è pronunciata su un controllo, intervenuto a seguito di una procedura internazionale di cooperazione amministrativa, dal quale è risultata la nullità dei certificati EUR 1, con la conseguenza che le merci importate, non potendosi più considerare originarie del Paese terzo, non potevano usufruire del trattamento daziario agevolato.

Al fine di poter beneficiare delle esenzioni o riduzioni dei diritti doganali previste dalle regole di origine preferenziale, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU