X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Esonero dalla garanzia per i beni importati se il deposito IVA è AEO

/ Emanuele GRECO e Lorenzo UGOLINI

Mercoledì, 22 maggio 2019

Le operazioni di introduzione in un deposito IVA di merce di provenienza extra Ue richiedono la prestazione di un’apposita garanziain entrata”, ai sensi dell’art. 50-bis comma 4 lett. b) del DL 331/93.
L’estrazione dei beni dal deposito ai fini della commercializzazione in Italia, se curata da un operatore diverso rispetto a colui che ha immesso in libera pratica la merce, richiede un’ulteriore garanzia “in uscita”, al fine di assolvere l’imposta in reverse charge per effetto dell’art. 50-bis comma 6 del DL 331/93 (nella versione vigente dal 1° aprile 2017).

Peraltro, le due garanzie si differenziano sotto il profilo della durata temporale nonché per la diversità del soggetto che è tenuto a prestarle (la garanzia “in entrata” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU