X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 25 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Esclusa la soggettività passiva IVA se manca il requisito dell’indipendenza

La Corte Ue conferma che non è sufficiente l’esercizio di un’attività economica

/ Dario BONSANTO

Venerdì, 14 giugno 2019

Un membro del consiglio di vigilanza di una fondazione non ha soggettività passiva ai fini IVA nei casi in cui l’attività economica dallo stesso esercitata non sia svolta sotto la propria responsabilità e con assunzione del relativo rischio economico. Questo è quanto emerge dalla sentenza della Corte di Giustizia del 13 giugno, relativa alla causa C-420/18.

La vicenda, sottoposta all’attenzione della Corte Ue dai giudici olandesi, riguardava la corretta interpretazione degli artt. 9 e 10 della Direttiva 2006/112/Ce, relativa al sistema comune dell’imposta sul valore aggiunto.
Gli articoli in parola considerano, infatti, “soggetto passivo” chiunque eserciti in modo indipendente un’attività economica volta alla produzione, commercializzazione o prestazione di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU