X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per la consapevolezza del riciclaggio rilevano i fattori indiretti

Può essere centrale l’estraneità dell’operazione all’oggetto sociale della società

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 25 giugno 2019

Il delitto di riciclaggio si consuma con la realizzazione dell’effetto dissimulatorio conseguente alle condotte tipiche previste dall’art. 648-bis comma 1 c.p. – sostituzione, trasferimento o altre operazioni volte ad ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa di beni, denaro o altra utilità – non essendo, invece, necessario che ciò che viene “ripulito” sia restituito a chi l’aveva inizialmente acquisito e trasferito.

In questo senso si è pronunciata la Cassazione – nella sentenza n. 27848 depositata ieri – in un caso che vedeva coinvolti i legali rappresentanti di due società ed era stato contestato direttamente nei confronti di una srl ai sensi dell’art. 25-octies del DLgs. 231/2001.
Secondo la prospettazione accusatoria, tale società ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU