X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 18 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Detraibili le imposte che la CFC ha assolto in altri Stati

Possibile lo scomputo anche delle ritenute a titolo di imposta subite dalla controllata estera anche se sono assolte in Paesi terzi

/ Salvatore SANNA

Sabato, 14 settembre 2019

Secondo il regime delle controlled foreign companies (c.d. CFC) previsto dall’art. 167 del TUIR, i redditi di una società estera residente in un Paese a fiscalità privilegiata devono essere imputati al socio controllante residente e assoggettati a tassazione separata con l’aliquota media applicata sul reddito complessivo del contribuente italiano e, comunque, non inferiore all’aliquota IRES ordinaria.

Ai sensi del comma 9 dell’art. 167 del TUIR, dall’imposta così determinata “sono ammesse in detrazione, ai sensi dell’art. 165, le imposte pagate all’estero a titolo definitivo dal soggetto non residente”.
In merito all’attuazione di questa disposizione, è intervenuta la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 112 dell’11 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU