X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con ricorso accolto in parte i due terzi si calcolano sull’accertato

Secondo la Cassazione il calcolo va eseguito sulla pretesa originaria e non sull’importo stabilito in sentenza

/ Alice BOANO

Mercoledì, 11 settembre 2019

In caso di parziale accoglimento del ricorso, la riscossione può proseguire per l’intero importo accertato come dovuto dalla sentenza della C.T. Prov., purché la somma non superi il limite dei due terzi dell’ammontare complessivo del tributo indicato nell’avviso di accertamento.
Così afferma la Cassazione, con la sentenza n. 30775 del 28 novembre 2018, prendendo posizione sulla questione relativa alla determinazione dell’importo da iscrivere a ruolo nell’accoglimento parziale del ricorso.

L’art. 68 comma 1 lettera b) del DLgs. 546/92 prescrive che il tributo, con i relativi interessi, va pagato “per l’ammontare risultante dalla sentenza della commissione tributaria provinciale, e comunque non oltre i due terzi, se la stessa accoglie parzialmente

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU