X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Inammissibile il ricorso a mezzo PEC ma sottoscritto «su carta»

In assenza di firma digitale la notifica sarebbe inesistente

/ Caterina MONTELEONE

Mercoledì, 18 settembre 2019

Specie in questa prima fase di applicazione del processo tributario telematico (obbligatorio per i ricorsi, di primo e di secondo grado, notificati dallo scorso 1° luglio), è importante interrogarsi sulle conseguenze processuali derivanti da inosservanze della procedura telematica.

Varie irregolarità non possono, a nostro avviso, dare luogo ad inammissibilità (e ciò vale sia per il contribuente sia per la parte pubblica, con particolare riferimento all’appello), in quanto non è di certo venuto meno il principio, ormai più che consolidato, secondo cui le inammissibilità vanno interpretate restrittivamente.
E, si potrebbe aggiungere, non vanno mai applicate in assenza di una espressa disposizione di legge che sanzioni con l’inammissibilità una certa irregolarità nella formazione degli

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU