X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’Ue deve dimostrare l’elusione delle misure antidumping

Non basta la mancata collaborazione dei produttori esteri ed è invalido il regolamento antidumping per importazioni di bici dallo Sri Lanka

/ Lorenzo UGOLINI

Venerdì, 20 settembre 2019

La Corte di Giustizia, con la sentenza relativa alla causa C-251/18 depositata ieri, ha annullato il regolamento di esecuzione Ue 501/2013 del Consiglio, che aveva esteso, alle importazioni di biciclette dallo Sri Lanka, indipendentemente dalla loro origine, il dazio antidumping già previsto per le importazioni di biciclette di origine cinese.

La vicenda trae origine da due intimazioni di pagamento notificate dall’Agenzia delle Dogane a un operatore che aveva importato biciclette dallo Sri Lanka da due diversi produttori. La contestazione, in particolare, si basava sul fatto che le esportazioni verso l’Unione europea avrebbero integrato pratiche elusive, rappresentate dal mero trasbordo dei beni in territorio srilankese e poste in essere al solo scopo di evitare il dazio antidumping

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU