X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Tasso di mora da confrontare col «tasso di mora-soglia»

Secondo una parte della giurisprudenza di merito il tasso soglia per gli interessi moratori deve essere superiore a quello degli interessi corrispettivi

/ Erisa PIRGU

Martedì, 22 ottobre 2019

Con la sentenza n. 1905/2019, il Tribunale di Vicenza torna ad affrontare un tema che impegna da tempo la giurisprudenza: l’assoggettabilità degli interessi moratori alla normativa antiusura e il relativo regime applicabile.
Sul punto, infatti, manca un’uniformità di vedute nel panorama giurisprudenziale.

Gli interessi moratori – si ricorda – sono dovuti a titolo di risarcimento per il ritardo nell’adempimento di un’obbligazione pecuniaria. Pertanto, essi non sono dovuti al momento dell’erogazione del credito, come gli interessi corrispettivi, ma solo in caso di eventuale inadempimento contrattuale.
Secondo una prima impostazione, fatta propria dalla Cassazione anche in una recente pronuncia espressamente criticata dalla sentenza in commento, l’interesse moratorio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU