X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il consumatore finale dell’energia elettrica non può chiedere il rimborso dell’accisa

Può però eccezionalmente avanzare la richiesta all’Agenzia delle Dogane se dimostra che l’azione esperibile verso il fornitore è oltremodo gravosa

/ Lorenzo UGOLINI

Mercoledì, 20 novembre 2019

Il fornitore è l’unico soggetto legittimato a chiedere il rimborso all’Amministrazione doganale in relazione alle imposte addizionali sul consumo di energia elettrica indebitamente pagate. Il consumatore finale, a cui sono state addebitate le imposte addizionali in eccesso da parte del fornitore, invece, può agire nei confronti di quest’ultimo con l’ordinaria azione di ripetizione di indebito, salvo chiedere eccezionalmente il rimborso all’Agenzia delle Dogane allorquando dimostri che l’azione esperibile verso il fornitore sia oltremodo gravosa.
Tali principi di diritto sono stati espressi dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 29980 depositata ieri.

La vicenda trae origine da un ricorso di una società avverso il diniego di rimborso dell’addizionale ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU