X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Commercialisti: «La politica riconosca le nostre competenze in area lavoro»

Secondo il Consiglio nazionale gli extracomunitari sono una risorsa per il sistema Paese, ma vanno definiti meglio regole e flussi di ingresso

/ Savino GALLO

Mercoledì, 20 novembre 2019

I commercialisti che si occupano di consulenza in ambito giuslavoristico sono circa il 25% del totale degli iscritti all’albo (stando agli ultimi dati dell’INPS, risultano registrati al portale dell’Istituto oltre 22 mila commercialisti che gestiscono in delega la posizione di un milione e centomila lavoratori), ma nonostante ciò “esistono ancora delle anomalie nell’assetto di competenze e funzioni riconosciute alla nostra professione”. Con queste parole Massimo Miani, Presidente del CNDCEC, ha aperto ieri il convegno nazionale dedicato al mondo del lavoro.

“Non si ha sufficiente contezza – ha spiegato Miani – dell’attività svolta dai commercialisti in tale ambito e dell’utilità che deriva dal raccordo tra questa area di specializzazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU