X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 29 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Reverse charge negli appalti da valutare in base ai beni strumentali

Per l’efficacia della misura resta necessario il rilascio di un’autorizzazione del Consiglio Ue

/ Emanuele GRECO

Lunedì, 27 gennaio 2020

L’art. 4 comma 3 del DL 124/2019 (conv. L. 157/2019), congiuntamente alle misure antievasive per le ritenute versate nell’ambito di appalti c.d. “labour intensive”, ha introdotto una nuova fattispecie di reverse charge (art. 17 comma 6 lett. a-quinquies) del DPR 633/72), con riferimento alle prestazioni di servizi effettuate:
- tramite contratti di appalto, subappalto, affidamento a soggetti consorziati o rapporti negoziali comunque denominati caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera;
- presso le sedi di attività del committente;
- con l’utilizzo di beni strumentali di proprietà di quest’ultimo o ad esso riconducibili.

Il reverse charge appena descritto non è immediatamente efficace, a differenza di quanto avviene per le norme in materia di ritenute ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU