X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Indennità ai lavoratori dei call center con il sistema «Ticket»

/ REDAZIONE

Mercoledì, 12 febbraio 2020

x
STAMPA

Con la circolare n. 21 pubblicata ieri, l’INPS ha fornito le istruzioni operative per la gestione della misura di sostegno al reddito per i lavoratori del settore dei call center (c.d. CIGD) di cui all’art. 44 comma 7 del DLgs. 148/2015, attuata dal DM 22763/2015 e finanziata per l’anno 2019 dall’art. 26-sexies del DL 4/2019.

Sul punto, l’INPS ricorda che il citato DM 22763/2015 riconosce ai lavoratori impiegati nel settore dei call center – in aziende con più di 50 addetti – un’indennità pari al trattamento massimo di CIGS per una durata massima di 12 mesi, richiedibile in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa determinata da crisi aziendale.

Inoltre, le aziende beneficiarie sono tenute a versare un contributo addizionale nella misura prevista dall’art. 5 del DLgs. 148/2015, calcolato sulla retribuzione globale che sarebbe spettata ai lavoratori per le ore di lavoro non prestate (c.d. retribuzione persa).

Ciò premesso, l’INPS rende noto che per i periodi di concessione della CIGD decorrenti dal mese di novembre 2019, le modalità di esposizione del conguaglio e del contributo addizionale dovranno avvenire con il sistema “Ticket”.

In particolare, le aziende dovranno indicare il codice evento “CDR” sia in caso di Cassa integrazione richiesta (e non ancora autorizzata) sia dopo aver ricevuto l’autorizzazione, e dovranno altresì indicare il codice “T” in “TipoEventoCIG”.

Per il conguaglio delle prestazioni anticipate, i datori di lavoro, all’interno dell’elemento “DenunciaAziendale”, esporranno in “CongCIGDImporto” l’importo posto a conguaglio relativo ad autorizzazioni soggette o meno al contributo addizionale.
Invece, per l’esposizione del contributo addizionale, i datori di lavoro esporranno in “DenunciaAziendale” il codice causale “E650” all’interno dell’elemento “CongCIGDCausAdd” e nell’elemento “CongCIGDImpAdd” il relativo importo.

TORNA SU