X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Dubbia la possibilità di fermo per il veicolo del professionista

/ Alice BOANO

Martedì, 18 febbraio 2020

Il fermo dei beni mobili registrati consiste in una misura cautelare adottabile dall’Agente della riscossione qualora, decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento o 90 giorni dalla notifica dell’accertamento esecutivo, il contribuente o il coobbligato non abbiano provveduto al versamento delle somme.
In base alla disciplina prevista dagli artt. 50 e 86 del DPR 602/73 e dal DM 7 settembre 1998 n. 503, il fermo riguarda auto e moto iscritte in pubblici registri, si concretizza nell’iscrizione al PRA e impedisce la circolazione del veicolo pur senza comportarne l’inalienabilità.

Per sottrarre il bene alla misura cautelare, il secondo comma dell’art. 86 del DPR n. 602/73 consente al debitore o al coobbligato di presentare un’istanza di annullamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU