X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 26 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Più dubbi che certezze sul superamento del limite di 200.000 euro negli appalti

Gli esempi formulati dall’Agenzia nella circolare n. 1/2020 su arco temporale e pro rata temporis non semplificano la verifica della soglia

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 14 febbraio 2020

L’art. 4 comma 1 del DL n. 124/2019, conv. L. n. 157/2019, ha introdotto nel DLgs. n. 241/97 il nuovo art. 17-bis, recante una serie di obblighi di controllo e di divieti alla compensazione tra debiti e crediti tributari destinata a operare con riguardo ai rapporti negoziali, comunque denominati, per il compimento di uno o più opere e di uno o più servizi, caratterizzati da prevalente utilizzo di manodopera presso le sedi di attività del committente con l’utilizzo di beni strumentali di proprietà di quest’ultimo, o comunque a esso riconducibili in qualunque forma.

Al fine di limitare i nuovi obblighi e divieti ai rapporti negoziali più rilevanti ed escludere quindi le c.d. “micro-commesse”, l’art. 17-bis comma 1 del DLgs. 241/97 circoscrive l’ambito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU