X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 6 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Un poderoso decreto a saldo zero

Ancora non è stato votato in Parlamento il via libera a nuovi scostamenti di bilancio, dopo quello da 25 miliardi, già utilizzati nell’ambito del «Cura Italia»

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 8 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un poderoso decreto a saldo zero.
Può sembrare una contraddizione in termini, ma è nulla più che la sintesi tra la presentazione che è stata fatta del decreto e le risorse che sono state messe su di esso.
Né, del resto, potrebbe essere diversamente, visto che, quando il decreto è stato approvato lunedì in Consiglio dei Ministri, ancora non era stato votato in Parlamento alcun via libera a ulteriori scostamenti di bilancio, dopo quello da 25 miliardi, già interamente utilizzati nell’ambito del primo decreto “Cura Italia”.

La norma che dovrebbe garantire 200 miliardi aggiuntivi di prestiti “pronta cassa” per le PMI, tramite il Fondo di garanzia, è nella sostanza una riscrittura dell’art. 49 del primo decreto “Cura Italia” (che viene infatti abrogato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU