X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Le agenzie di somministrazione possono inviare le sospensioni COVID-19 all’INAIL

Implementata anche la funzionalità per l’inserimento delle retribuzioni relative alla sospensione/riduzione dell’attività dei lavoratori somministrati

/ REDAZIONE

Sabato, 1 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la nota del 29 luglio 2020, l’INAIL informa circa il rilascio di una nuova funzionalità all’interno dell’applicativo “Somministrazione di lavoro”.

La nuova funzionalità, denominata “Comunicazione Sospensioni”, permette alle agenzie di somministrazione di assolvere l’obbligo di comunicare allo stesso Istituto, attraverso i propri incaricati con profilo di funzionario, l’applicazione delle sospensioni degli adempimenti e dei versamenti previste dalla normativa sull’emergenza epidemiologica da COVID-19, specificando, inoltre, la disposizione normativa applicata e dichiarando di essere in possesso delle condizioni previste dalla medesima disposizione per usufruire del beneficio.

Come ricordato dalla nota in commento, le sospensioni riguardanti le agenzie di somministrazione sono previste dall’art. 62 comma 2 lett. c) del DL 18/2020 (Cura Italia) conv. L. 27/2020, e dall’art. 18 commi da 1 a 5 del DL 23/2020 (decreto liquidità) conv. L. 40/2020. Per ogni regime di sospensione può essere inviata un’unica comunicazione.

Qualora si ravvisino errori nella comunicazione trasmessa, indipendentemente dal fatto che sia stata o meno acquisita dall’INAIL, tali errori non possono essere comunicati con il servizio “Comunicazione Sospensioni”, ma devono essere trasmessi esclusivamente via PEC alla Sede competente. Quest’ultima provvederà ad “annullare” la comunicazione per permettere un nuovo invio.

Per ogni regime di sospensione si può inviare un’unica comunicazione

Inoltre, sempre con la nota in commento, l’INAIL informa che nell’applicativo “Somministrazione di lavoro” è stata implementata un’ulteriore funzionalità per l’inserimento, la registrazione e la modifica delle retribuzioni relative alla sospensione/riduzione dell’attività lavorativa dei lavoratori somministrati in Trattamento di integrazione salariale (TIS).
L’agenzia, tramite l’utente abilitato con il profilo “funzionario”, può, per il trimestre in corso, inserire per ogni lavoratore somministrato il Trattamento di integrazione salariale con sospensione dell’attività lavorativa (zero ore lavorate nel trimestre) o il Trattamento integrazione salariale con riduzione dell’attività lavorativa (presenza di ore lavorate nel trimestre).

Per quanto riguarda, invece, i trimestri precedenti, è possibile procedere per ogni lavoratore somministrato alle rettifiche delle retribuzioni errate.

TORNA SU