X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Alimenti e bevande somministrati dalle ASD extra attività sportiva non agevolati

Possono rientrare nel regime ex L. 398/91 i proventi delle attività commerciali strutturalmente funzionali all’attività sportiva dilettantistica

/ Francesco NAPOLITANO

Lunedì, 10 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-04376 del 28 luglio scorso in Commissione Finanze alla Camera è stato chiarito che qualora le somministrazioni di alimenti e bevande siano effettuate da parte di associazioni sportive dilettantistiche durante eventi socio-culturali, feste popolari, sagre, ecc., e quindi al di fuori del contesto della tipica attività sportiva dilettantistica, i relativi proventi non possono godere del trattamento fiscale agevolato di cui alla L. 398/91.
>Ciò in quanto tali attività non sono direttamente connesse agli scopi istituzionali dell’ente sportivo, non costituendo quel naturale completamento dei particolari scopi che caratterizzano il sodalizio sportivo dilettantistico, per i quali lo stesso ha ottenuto il riconoscimento da parte del

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU