X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Anche per le cause sino a 50.000 euro si deve presentare un normale ricorso

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 5 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito della riforma apportata dal decreto legislativo 156 del 2015, la procedura di reclamo/mediazione, attualmente obbligatoria laddove il valore della lite non superi i 50.000 euro, per quanto riguarda la strutturazione del ricorso non si distingue, praticamente in nulla, dalla procedura ordinaria.
In entrambe le ipotesi, l’atto introduttivo del giudizio è un ordinario ricorso, non, tecnicamente, un ricorso/reclamo, un reclamo men che meno una mediazione.

Tra gli operatori del settore talvolta emergono dubbi sul “come” strutturare l’atto di impugnazione del provvedimento impositivo. Dubbi nascenti dal fatto che, sin dalla sua introduzione, avvenuta nel 2012, la procedura di reclamo/mediazione ha avuto un travagliato excursus normativo: inizialmente, il contribuente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU