X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Astensione da calibrare per l’amministratore

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 14 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 2388 comma 4 c.c., le deliberazioni del CdA che non sono prese in conformità della legge o dello statuto possono essere impugnate solo dal collegio sindacale e dagli amministratori “assenti o dissenzienti” entro novanta giorni dalla data della deliberazione (si applica in quanto compatibile l’art. 2378 c.c.).
Ai sensi dell’art. 2377 comma 2 c.c., invece, le deliberazioni assembleari che non sono prese in conformità della legge o dello statuto possono essere impugnate dai soci assenti, dissenzienti o “astenuti”, dagli amministratori, dal consiglio di sorveglianza e dal collegio sindacale.

Secondo la sentenza n. 6839/2010 del Tribunale di Milano, l’amministratore che si astiene dalla votazione è privo di legittimazione all’impugnazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU