X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Solo l’interesse esclusivo dei soci può escludere la responsabilità della società

La responsabilità 231 permane se la persona giuridica ha avuto un interesse anche solo concorrente

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 18 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il DLgs. 231/2001 prevede che il fatto, in grado di consentire il trasferimento di responsabilità dalla persona fisica all’ente, sia commesso nell’interesse o a vantaggio della persona giuridica (art. 5 comma 1); precisando che la responsabilità cessa ove il fatto sia commesso nell’esclusivo interesse proprio o di terzi e cioè per un fine che non avvantaggia in alcun modo l’ente stesso (art. 5 comma 2). L’assenza di un interesse rappresenta dunque un “limite negativo” della fattispecie.

Sulla base di tali principi, la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 23300 del 15 giugno scorso, ha riconosciuto la responsabilità di una società per truffa ai danni dello Stato finalizzata ad ottenere un cospicuo finanziamento in conto capitale in assenza dei presupposti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU