X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Discriminatoria la clausola che vieta di partecipare a uno sciopero

Le Sezioni Unite hanno inoltre chiarito che nella espressione «convinzioni personali» va ricompresa la discriminazione per motivi sindacali

/ Giada GIANOLA

Giovedì, 22 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 20819 pubblicata ieri, 21 luglio 2021, hanno dichiarato discriminatoria per motivi sindacali la condotta posta in essere da una società di trasporto aereo nei confronti del proprio personale di cabina operante presso una base sita in Italia.

Nel caso di specie a tali dipendenti era stato applicato un contratto collettivo stipulato ai sensi della legge irlandese e con un sindacato della medesima nazionalità contenente una clausola rubricata “Estinzione del contratto” con cui venivano imposte pesanti limitazioni di natura sindacale ai lavoratori, quali la perdita dei trattamenti retributivi o indennitari goduti in caso di partecipazione a scioperi o ad attività sindacali.

Oltre a ciò, la società aveva adottato una politica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU