X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

LAVORO & PREVIDENZA

Proroghe e rinnovi con causali contrattuali anche dopo il 30 settembre 2022

L’INL chiarisce i limiti temporali alla luce delle novità introdotte per il lavoro a termine dal DL Sostegni-bis

/ Mario PAGANO

Mercoledì, 15 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le nuove causali di natura contrattuale, introdotte per il tempo determinato con il decreto “Sostegni-bis”, avranno una limitazione temporale (30 settembre 2022) solo in relazione al primo contratto stipulato tra le parti, mentre i datori di lavoro potranno avvalersene anche dopo per proroghe e rinnovi.
Si tratta di uno dei chiarimenti più significativi che l’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) ha fornito con la nota n. 1363/2021, pubblicata ieri, con cui sono state esaminate le nuove disposizioni previste dall’art. 41-bis del DL 73/2021, inserito in sede conversione nella L. 106/2021.

La prima novità è data dall’introduzione di una nuova causale, accanto a quelle già fissate per la stipula di contratti a termine di durata superiore ai 12 mesi dall’art. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU