Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Niente risanamento con rilevante disequilibrio economico finanziario

Necessario un approccio proattivo e tempestivo dell’impresa

/ Antonio NICOTRA e Marco PEZZETTA

Martedì, 19 aprile 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

I nuovi istituti introdotti dal DL 118/2021, destinati a essere trasfusi all’interno del DLgs. 14/2019, privilegiano il risanamento dell’impresa – evitando di ricorrere a procedure liquidatorie –  e ne preservano il valore mediante tempestive azioni di risanamento.

L’accesso alla composizione negoziata di cui al DL 118/21 richiede proattività e tempestività dell’impresa in crisi o già insolvente; ne rappresenta conferma, in primis, l’art. 2086 c.c., che prescrive il dovere dell’imprenditore di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale, nonché di attivarsi senza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU