ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il rimborso IVA per cessazione dell’attività non è sempre scontato

/ Mirco GAZZERA

Lunedì, 6 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il soggetto passivo che cessa l’attività può chiedere a rimborso il credito IVA annuale (art. 30 comma 1 del DPR 633/72). In questo caso, infatti, non sarebbe possibile recuperare il credito riportandolo in detrazione nel periodo d’imposta successivo.

Tale fattispecie non è sottoposta al limite minimo di 2.582,28 euro (R.M. n. 132/99), che riguarda le ipotesi di rimborso previste dal secondo comma della predetta disposizione (aliquota media, operazioni non imponibili, acquisto e importazione di beni ammortizzabili, ecc.). Si applica esclusivamente la soglia generale per i versamenti e i rimborsi IVA, pari a 10,33 euro (art. 3 del DPR 126/2003).

All’erogazione di questa tipologia di rimborsi provvedono solo gli uffici dell’Agenzia delle Entrate, vista la particolarità delle

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU