X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Paga il commercialista che espone in dichiarazione costi non documentati

Se il cliente non fornisce la documentazione al Fisco, il professionista deve corrispondere metà della sanzione

/ Roberta VITALE

Mercoledì, 28 aprile 2010

x
STAMPA

Il commercialista, che espone in dichiarazione dei redditi costi non documentati o non inerenti all’anno di imposta, è tenuto a rifondere al cliente metà delle sanzioni fiscali applicate dall’Erario.
È quanto stabilito dalla Cassazione, nella sentenza n. 9916 del 26 aprile 2010, in tema di risarcimento danni da responsabilità professionale.

Invero, secondo le argomentazioni dei giudici di merito confermate integralmente dalla Cassazione ivi in commento, in generale il professionista ha l’obbligo di espletare l’incarico affidatogli con diligenza e secondo le regole della professione dettata dal codice deontologico. Nello specifico, in caso di compilazione della dichiarazione dei redditi, rientrerebbe in tale obbligo anche la verifica della corrispondenza fra i costi dichiarati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU