X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Legittima la scissione non proporzionale se i soci aprono aziende separate

/ Enrico ZANETTI

Sabato, 28 agosto 2010

L’utilizzo della scissione come strumento mediante il quale disaggregare il patrimonio della scissa e procedere all’assegnazione di fatto ai soci di singole parti di esso, senza transitare per un’operazione di liquidazione della società scissa o di una permuta delle partecipazioni tra i soci, potrebbe, a prima vista, sembrare un’operazione sempre elusiva dal punto di vista fiscale.

Se, infatti, la finalità per la quale viene realizzata una scissione non proporzionale (ossia una scissione che può consentire di scindere la compagine sociale della scissa non meno che il suo patrimonio) è quella di attuare nei fatti un’assegnazione a singoli soci di specifiche parti del patrimonio della scissa, evitando di porre in essere l’operazione che appare più ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU