X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessione di terreni: plusvalenza calcolata in base al valore ai fini del registro

Secondo la C.T. Reg. di Brescia, spetta al contribuente superare la presunzione di corrispondenza fra prezzo incassato e valore di mercato

/ Antonio PICCOLO

Lunedì, 7 novembre 2011

Il Fisco è legittimato in via induttiva a procedere alla determinazione delle plusvalenze patrimoniali sulla base dell’accertamento di valore ai fini dell’imposta di registro, mentre spetta al contribuente superare la presunzione di corrispondenza tra il “corrispettivo percepito” e il “valore venale in comune commercio”. Lo ha stabilito la C.T. Reg. di Milano che, con sent. n. 259/67/11 depositata l’11 ottobre 2011, ha accolto l’appello dell’Ufficio.

Per verificare la bontà della pronuncia in rassegna, è necessario descrivere i fatti di causa. Una persona fisica, dopo aver ceduto a titolo oneroso un terreno edificabile per un valore dichiarato in atto di 50,80 euro al metro quadrato, ma definito in seguito per 62 euro al mq con sentenza passata

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU