X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Autotutela sostitutiva solo per la correzione di vizi formali

La C.T. Reg. di Firenze ha confermato l’orientamento secondo cui l’accertamento è precluso qualora l’atto da sostituire fosse errato nel merito

/ Alessandro BORGOGLIO

Martedì, 20 novembre 2012

L’Amministrazione finanziaria, a processo incardinato, non può “ritirare” l’avviso di accertamento impugnato che contenga vizi tali da renderne possibile la sua caducazione, per emettere un nuovo atto scevro da tali patologie, ma recante una nuova e diversa pretesa impositiva. È quanto stabilito dalla C.T. Reg. di Firenze, con la sentenza del 17 settembre 2012, n. 89.

La questione attiene al cosiddetto potere di autotutela sostitutiva, che costituisce una sorte di specie del genus “autotutela”, introdotta, in ambito tributario, dal DPR n. 287/92 ed ora disciplinata dall’articolo 2-quater del DL 564/1994, a cui è stata data attuazione con il DM n. 37 dell’11 febbraio 1997. Si tratta, in sostanza, del potere del Fisco di annullare un atto impositivo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU