X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Beni ai soci, in UNICO «pesa» il maggior reddito attribuibile all’utilizzatore

Tale dato va considerato nella ripartizione del reddito ai soci da parte della società di persone (quadro RH) e della società trasparente (quadro TN)

/ Luca MIELE

Giovedì, 13 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

In UNICO 2013 fa il suo esordio la normativa in materia di beni concessi in godimento dall’impresa ai soci o familiari dell’imprenditore verso un corrispettivo inferiore al valore di mercato, per effetto della quale è stata introdotta una nuova fattispecie di redditi diversi (art. 67, comma 1, lett. h-ter) del TUIR) in capo al soggetto utilizzatore e l’indeducibilità dal reddito d’impresa dei costi sostenuti relativamente ai detti beni.

Il presupposto di applicazione della norma è la differenza positiva tra il valore di mercato del diritto di godimento e il corrispettivo relativo al godimento del bene. La previsione può dare luogo a fenomeni di doppia imposizione quando l’utilizzatore è il titolare dell’impresa individuale concedente il bene, socio della società ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU