Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per eliminare IMU e aumento IVA necessari otto miliardi «non rinvenibili»

Il Ministro Saccomanni, rispondendo in Senato sulle politiche fiscali, ipotizza anche la deducibilità dell’IMU dal reddito d’impresa

/ Barbara SESSINI

Venerdì, 14 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

IMU, TARES e aumento dell’IVA sono stati al centro del question time di ieri al Senato. Il Ministro dell’Economia e delle finanze Fabrizio Saccomanni ha risposto alle interrogazioni a risposta immediata sulle priorità della politica fiscale del Governo.
Per il titolare del MEF, uno stop dell’aumento del punto percentuale dell’IVA comporterebbe la necessità di reperire un finanziamento addizionale di due miliardi, più quattro per ciascuno degli anni successivi.
Per quanto riguarda l’IMU, è allo studio la possibilità di dedurne il pagamento dal reddito d’impresa. Saccomanni ha auspicato che il riordino dell’imposta municipale propria possa concludersi “ben prima della fine di agosto”. La riforma della tassazione immobiliare dovrà, infatti, essere ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU