X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Si può sempre ottenere la liquidabilità del credito per imposte anticipate

Anche in assenza di debito d’imposta, la società può monetizzare la conversione ottenendo il rimborso dall’Erario

/ Paolo MENEGHETTI

Martedì, 25 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il quadro normativo ed interpretativo in materia di trasformazione di imposte anticipate in crediti d’imposta, di cui all’art. 2 commi da 55 a 58 del DL 225/2010 (integrato dalle disposizioni dell’art. 9 del DL 201/2011), è certamente più chiaro dopo l’emanazione della circolare dell’Agenzia delle Entrate 37/2012 e della circolare Assonime 17/2013.

In particolare, è molto significativo il passaggio della circ. Assonime in cui si conclude che la normativa in commento porta con sé, quale conseguenza indiretta, la possibilità di iscrivere sempre le imposte anticipate sulle perdite fiscali determinate dalla deduzione di avviamento o altre immaterialità. Va ricordato, inoltre, che l’utilizzo del credito d’imposta presenta ripercussioni sul modello UNICO 2013, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU