X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Transfer pricing, per il Fisco non conta il regime fiscale più favorevole all’estero

Ai fini dei controlli, i componenti del reddito sono valutati in base al valore normale, senza necessità di confronto tra i Paesi interessati

/ Alessandro BORGOGLIO

Martedì, 25 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dei rilievi fiscali fondati sul controllo del transfer pricing, non assume alcuna importanza il fatto che lo Stato estero in cui è situata la società controllata abbia un regime fiscale più favorevole rispetto a quello italiano; pertanto, il Fisco non è tenuto ad alcuna dimostrazione in tal senso. È quanto stabilito dalla Cassazione, con la sentenza 10742/2013.

Lo scopo dei controlli basati sul transfer pricing è quello di evitare che le imprese nazionali possano eludere il sistema impositivo interno attraverso la “traslazione” di materia imponibile in altri Stati esteri a minore fiscalità. Per conseguire un vantaggio, quindi, occorre generalmente che si configuri una situazione per cui la tassazione italiana sia maggiore di quella del Paese estero considerato. A parità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU