X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

La Camera «apre» all’autodeterminazione delle parti dell’organismo di mediazione

Le modifiche al DL «Fare» delle Commissioni I e V affronteranno l’Aula. Nel testo originario l’indicazione spettava al giudice

/ Roberta VITALE

Mercoledì, 17 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito delle modifiche apportate dal DL Fare alla disciplina sulla mediazione civile e commerciale di cui al DLgs. 28/2010, di particolare rilievo risultano quelle relative alla mediazione demandata dal giudice (art. 84, comma 1, lett. c) del DL 21 giugno 2013 n. 69 – in attesa di conversione).

Nello specifico, secondo quanto stabilito dall’art. 5, comma 2 del DLgs. 28/2010 modificato – norma in vigore decorsi 30 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto –, il giudice anche in sede di giudizio di appello può disporre l’esperimento del procedimento di mediazione, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti.
Prima delle modifiche, la disposizione era formulata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU