ACCEDI
Venerdì, 21 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Contestazioni IVA all’attività di «compro oro» con due linee difensive

/ Nunzio RAGNO

Sabato, 27 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sulla spinosa questione della corretta applicazione dell’IVA (reverse charge – regime del margine) in materia di cessione di oggetti preziosi usati e/o avariati effettuata dai “compro oro” alle fonderie, va sempre rafforzandosi un atteggiamento difensivo fondato su due orientamenti:
- mancanza di prove sullo stato degli oggetti ceduti;
- prerogative soggettive ed oggettive del soggetto destinatario (destinazione esclusiva e incondizionata degli oggetti a fusione con successiva produzione di materiale industriale e/o oro da investimento).

Infatti, sia gli organi amministrativi (Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza) che giudiziari (Commissioni tributarie) si vedono recriminare contestazioni mirate sia al riconoscimento dello stato di oggettiva indimostrabilità sulla determinazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU