X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 26 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Rimborsi spese per il professionista non tassati

Secondo l’IRDCEC la nozione fiscale di compenso non comprende i rimborsi spese

/ Pasquale SAGGESE

Venerdì, 17 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il trattamento dei rimborsi spese e delle spese “prepagate” dal committente nella determinazione del reddito di lavoro autonomo sotto la lente dell’Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili. 
È la circolare n. 37/IR del 9 gennaio 2014, diffusa ieri, ad approfondire il tema e a sottoporre ad accurato vaglio critico il tradizionale indirizzo interpretativo dell’Amministrazione finanziaria in materia.

Come è noto, la prassi amministrativa ha costantemente ricondotto alla nozione di “compenso” non solo le somme e i valori conseguiti dal lavoratore autonomo a titolo di remunerazione per l’opera svolta, ma anche le somme da questi percepite a titolo di rimborso delle spese sostenute per conto del cliente (cfr., tra le altre, ris.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU